Elia non ce l’ha fatta. Era nato dopo la morte della mamma

18 Maggio 2015

20150517-140207

I funerali di Martina e Elia saranno celebrati giovedì mattina, alle 9.30, nella chiesa di Borgotrebbia. Un altro rosario, dopo quello di lunedì sera che ha riempito non solo la chiesa ma anche la piazzetta della parrocchia, sarà recitato mercoledì sera alle 20. “Dio non è un mostro, la vita non finisce al cimitero – ha detto don Pietro Cesena, abbracciando i familiari insieme a tutta la comunità -, ora possiamo solo fare silenzio”.

NOTIZIA DELLE 15.25 – La speranza è durata 24 ore. Il piccolo Elia, nato ieri dopo la morte della giovane mamma, non ce l’ha fatta. Il neonato è morto in tarda mattinata all’ospedale di Pavia dove si trovava ricoverato da ieri. Per salvarlo, i medici dell’ospedale di Piacenza avevano allestito una sala parto d’urgenza nel pronto soccorso. Una tragedia e un miracolo avvenuti a distanza di pochi minuti. La vita di Martina Livelli, piacentina di 23 anni incinta di 8 mesi, è stata stroncata da un arresto cardiaco all’alba di ieri. Il bambino è stato fatto nascere con un parto cesareo dall’equipe di medici dell’ospedale piacentino. Le sue condizioni erano gravissime. Il neonato è stato stato battezzato poco prima del trasferimento all’ospedale di Pavia dove ha lottato fino a questa mattina quando il suo cuore ha cessato di battere.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà