Profughi, i posti nel Piacentino sono 314. Saranno ospitati in 11 comuni

24 Giugno 2015

profughi

Sono 11 i comuni piacentini che dal primo luglio al 31 dicembre accoglieranno i profughi già arrivati e quelli che probabilmente arriveranno nel nostro territorio: Piacenza, Cortemaggiore, Pontedellolio, Pianello, Bettola, Alseno, Gropparello, Coli, Calendasco, Rivergaro e Castellarquato. E’ questo l’esito della selezione che è stata effettuata in prefettura per identificare i gestori autorizzati ad ospitare gli stranieri, il cui numero massimo per la nostra provincia sarà di 314. Ciò significa che, secondo questi dati, c’è posto ancora per una settantina di profughi, visto che attualmente sono 240 quelli presenti sul territorio piacentino. Sono 12 i soggetti gestori che hanno avuto l’ok, mentre due domande sono state escluse per la mancanza di requisiti.

Nel corso della seduta pubblica, la commissione tecnica presieduta dal viceprefetto vicario Elio Faillaci ha attribuito un punteggio complessivo ad ogni operatore ammesso, scaturito dall’abbinamento tra offerta tecnica ed offerta economica, procedendo alla redazione della graduatoria definitiva, fatta salva la verifica del possesso dei requisiti in corso di accertamento. Al primo posto si è piazzata la Caritas (20 posti a Piacenza e 2 a Cortemaggiore), poi la coop Ippogrifo (15 posti a Pontedellolio), quindi la Protezione della giovane con 8 posti. A fare la parte del leone sono stati la Rest e la Ciesse&B, rispettivamente con 65 e 50 posti, tutti a Piacenza. Stando a questo prospetto, in città è autorizzata l’accoglienza di 158 stranieri. Da notare come il corrispettivo giornaliero per ospite riconosciuto a ciascuno gestore varia a seconda dell’operatore, ma non può superare un massimo di 35 euro giornaliere.

LA GRADUATORIA DEI GESTORI E LA SUDDIVISIONE DEI PROFUGHI

© Copyright 2021 Editoriale Libertà