Traversa di Mirafiori: sullo sbarramento scontro tra Consorzio e ambientalisti

24 Giugno 2015

20150624-224000.jpg

Si torna a battagliare sulla traversa di Mirafiori, per il progetto del Consorzio per ripristinare lo sbarramento crollato nel 2009 e renderlo nuovamente utile a dare acqua ai campi: questo pomeriggio, Consorzio, ambientalisti e agricoltori si sono confrontati nell’istruttoria pubblica legata alla Conferenza dei servizi, nella quale ogni cittadino ha potuto esprimere le sue considerazioni, registrate e presto incluse negli atti ufficiali.
Il Consorzio, con i suoi progettisti è tornato a ribadire la bontà dell’intervento, attualmente sottoposto a procedura di Via.
La parte ambientalista del pubblico, però, non tarda a farsi sentire. “Nella Via non sono stati ipotizzati scenari alternativi alla traversa e non è chiaro l’areale irriguo e quindi neppure quale sia il fabbisogno idrico” dice Giuseppe Castelnuovo (Legambiente).
Favorevoli al progetto gli agricoltori. “Col tempo abbiamo migliorato gli usi dell’acqua e faccio notare come pomodoro, mais e prato siano le colture più efficienti: irrigarle significa solo usare l’acqua e reimmetterla nell’ambiente, non consumarla” afferma Filippo Gasparini (Confagricoltura).

20150624-224019.jpg

© Copyright 2021 Editoriale Libertà