Dal 1° luglio lavare l’auto o irrigare l’orto di giorno può costare 500 euro

25 Giugno 2015

impianto di irrigazione

Lavare l’auto in cortile o innaffiare l’orto potrebbe costare molto caro ai residenti delle frazioni cittadine, fino a 500 euro. Come ogni estate il primo luglio scatterà il divieto comunale di utilizzare l’acqua potabile per scopi diversi dall’uso igienico-sanitario, un modo per evitarne lo spreco in un periodo delicato dell’anno: durante il giorno non sarà quindi possibile irrigare orti e giardini, lavare autovetture, strade e cortili né riempire piscine. Il divieto, che durerà fino al 15 settembre, sarà dalle 7 alle 22, nelle frazioni di Quarto, Ivaccari, Mucinasso, San Bonico, La Verza, Pittolo e Vallera. Per l’eventuale riempimento di piscine, fermo restando il divieto nella fascia oraria indicata, gli interessati dovranno prendere contatti con Iren Emilia, la società che gestisce il servizio, per concordare le modalità da adottare. Ai trasgressori multe che possono andare dai 25 ai 500 euro.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà