Falsi carabinieri a Castello e Monticelli: “Occhio all’uniforme”

03 Luglio 2015

Castelsangiovanni, piazza del municipio-800

Attenzione a chi si spaccia per carabiniere o appartenente alle forze dell’ordine. Nelle ultime due settimane sono state messe a segno una truffa e una tentata truffa ai danni di alcuni cittadini da parte di falsi carabinieri. Almeno tre individui operano nel piacentino, in particolare a Castelsangiovanni dove sono soliti presentarsi vestiti di scuro. Negli ultimi giorni una tentata truffa è avvenuta proprio a Castelsangiovanni e una truffa a Monticelli ai danni di una donna di 80 anni. Due uomini si sono spacciati per carabinieri riuscendo a farsi aprire dalla donna e a entrare nella sua abitazione dove hanno rubato diversi monili d’oro. Stamattina il colonnello Luca Pietranera, comandante del reparto operativo dei carabinieri di Piacenza, ha ricordato che nelle case delle persone i carabinieri intervengono in uniforme e con l’auto di servizio. “Al minimo dubbio bisogna chiamare il 112 – ha detto il colonnello Pietranera – ed evitare di far entrare in casa sconosciuti”. Il colonnello ha detto inoltre che questi truffatori sono soliti agire in pochi minuti poi si dileguano. “E’ quindi buona cosa – ha proseguito Pietranera – nascondere bene denaro o monili che si custodiscono in casa per rendere la vita difficile ai ladri. Cercare insomma di non riporre valori nel primo cassetto del comodino della camera da letto dove i ladri vanno subito a vedere”. Il colonnello ha poi ricordato che è buona cosa fotografare i valori che si hanno in casa come quadri e gioielli così in caso di furto le foto possono aiutare le indagini.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà