Intossicazioni alimentari: le “insidie” estive, tutti i consigli dell’esperto

09 Luglio 2015

Carne

Con l’estate aumentano i pericoli legati alle intossicazioni alimentari. Il consumo di carne e pesce crudi, di salumi o di verdure lavate con poca attenzione rappresenta un rischio per la salute. Virus e batteri infatti sono sempre in agguato e approfittano degli errori che si commettano in questa particolare stagione.
La salmonella è sicuramente uno dei virus più insidiosi e a cui prestare attenzione. Una brutta gastroenterite può costringere a letto per qualche giorno e, nei casi più gravi, chi ne è colpito deve ricorrere alle cure del pronto soccorso.
Attenzione dunque a grigliate e abbuffate che potrebbero procurare fastidi più o meno gravi a stomaco e intestino. I casi di intossicazione alimentare sono tenuti costantemente sotto controllo dal Dipartimento salute pubblica dell’Ausl di Piacenza anche se i dati sono sottostimati rispetto alla reale portata del fenomeno. Molte persone infatti aspettano che i sintomi passino da soli senza rivolgersi alle strutture sanitarie.

“Il consiglio – spiega Marco Delledonne, direttore Dipartimento salute pubblica Ausl – è di cuocere gli alimenti e di evitare di posizionarli accanto a cibi crudi che potrebbero contaminarli. Frutta e verdura vanno lavate con cura, anche l’insalata acquistata già pronta”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà