Tenta di incassare un assegno rubato, donna condannata a 1 anno e 8 mesi

22 settembre 2015

poste interno uffici

Ricettazione di un assegno, tentata truffa e falso. Questi tre reati sono costati a una donna di 55 anni di Napoli, la condanna a un anno e otto mesi di reclusione. La vicenda, approdata davanti al giudice Gianandrea Bussi, risale al dicembre del 2012 ed ha avuto come teatro l’ufficio postale di via Trivioli. Una mattina una donna si era presentata a uno sportello chiedendo di versare un assegno di quasi novemila euro su un conto corrente aperto nello stesso ufficio. L’impiegata che aveva ricevuto la sua richiesta, controllando i documenti necessari si era però insospettita e non aveva effettuato l’operazione. Era stata quindi avvisata la polizia postale che dopo una serie di indagini aveva denunciato la donna.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca

NOTIZIE CORRELATE