Val D'Arda

Chero, alveo del torrente pieno di tronchi e ghiaia. Preoccupati i residenti

29 ottobre 2015

Torrenti in secca e alvei da pulire, pieni di tronchi (5)-800

Percorrendo l’alveo del torrente Chero, ieri asciutto, si incontrano buche scavate dalla potenza dell’acqua, seguite da alti muri di ghiaia, trasportata da monte: sedimenti che, di piena in piena, hanno alzato il letto del corso d’acqua, portandolo a raggiungere ormai i campi, le case. Crollate anche le barriere di difesa.

I cittadini di via Zappellazzo a Chero si dicono preoccupati e hanno segnalato più volte i rischi al Servizio tecnico dei bacini degli affluenti del Po (Stb) e al Comune di Carpaneto. Il sindaco Gianni Zanrei annuncia intanto un progetto pilota con l’Unione dei comuni Valnure e Valchero.

“Abbiamo segnalato all’Stb sia questa situazione di Chero che quella, altrettanto pericolosa, del Vezzeno – precisa il primo cittadino -. Il corso d’acqua deve essere interamente risagomato. A livello di Unione, abbiamo studiato, in attesa di risposte concrete dagli enti competenti, un progetto per il recupero della legna in alveo, in collaborazione con la Protezione civile e gli Alpini. Noi metteremo il costo del gasolio e i volontari potranno raccogliere legname e accatastarlo in modo corretto, a disposizione dei cittadini. La legna verrà stoccata in punti da identificare”.

Tutti i dettagli oggi su Libertà

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Foto Gallery Val D'Arda Video Gallery

NOTIZIE CORRELATE