Fermato per un controllo, in auto aveva 5 kg di rame e attrezzi da scasso

25 Gennaio 2016

pol

L’alt all’Alfa Romeo che stava guidando gli è stato intimato dagli agenti della pattuglia territoriale in servizio nella zona di via Roma, nella mattina di giovedì 21 gennaio. Per il conducente, un trentenne rumeno residente in provincia di Bari, è stato l’inizio di una serie di accertamenti che hanno portato alla denuncia per ricettazione e porto abusivo di attrezzature da scasso.
Già alla prima richiesta di fornire la carta di circolazione e la carta verde di assicurazione del veicolo con targa della Romania, l’uomo ha dichiarato di non esserne in possesso. Dalle successive verifiche eseguite sul telaio, è emerso che l’auto non era stata radiata dai registri italiani.

Accompagnato al Comando di via Rogerio per la stesura dei verbali di violazione – obblighi per la reimmatricolazione all’estero, uso delle cinture di sicurezza, possesso dei documenti di guida e circolazione – il trentenne ha dichiarato di non poter provvedere al pagamento delle sanzioni contestategli. Di qui è scattata la rimozione del veicolo con carro attrezzi, ai fini del fermo amministrativo.

Mentre il giovane recuperava i propri effetti personali, gli agenti hanno notato all’interno del bagagliaio un computer portatile, una stampante e circa 5 kg di rame di cui l’uomo non ha saputo spiegare la provenienza. Nella parte laterale del portabagagli, inoltre, erano presenti alcuni oggetti atti allo scasso, la cui detenzione, allo stesso modo, non era giustificabile. Tutto il materiale è stato sequestrato e per il trentenne è scattata anche la denuncia per ricettazione e porto abusivo di attrezzature da scasso.

pol2

pol6

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà