Elena, 30 anni, in Libano per i rifugiati: “Le spose quasi sempre bambine”

04 Marzo 2016

elena

Un’eccellenza piacentina nel mondo. Una donna che fa tanto per le altre donne, in silenzio, senza tante parole, lontano dai riflettori. Cuore, anima, impegno e tanti sacrifici spesi per un ideale. Elena Braghieri ha soltanto 30 anni ma è come se avesse vissuto tante vite, in giro per il mondo fin da neonata, grazie al padre Giuseppe Braghieri, medico chirurgo che salva vite nei paesi colpiti dalle guerre. Elena è tornata da pochi giorni dal Libano dove ha trascorso un anno, con la fondazione Avsi di Milano, per sostenere bambini e donne senza voce e senza diritti e aiutarli a costruirsi un futuro, a stare insieme, socializzare, uscire dal buio e isolamento delle proprie tende.

“Ho lavorato nei campi dei rifugiati siriani a Beirut e successivamente in una piccola cittadina a sud del Libano al confine con Israele – ha spiegato Elena – cercando di creare una routine diversa per i bambini e aiutando le donne a sostenersi a vicenda”.

GUARDA L’INTERVISTA

libano10

© Copyright 2021 Editoriale Libertà