Referendum fusione: Ziano dice no.
A Borgonovo vincono i sì

07 Marzo 2016

Borgonovo-Ziano

L’ipotesi di fusione ha diviso nettamente gli elettori di Ziano e quelli di Borgonovo. Il dato complessivo recita 56,51% di favorevoli all’accorpamento dei due comuni.

Se a Borgonovo a prevalere è stato il “sì”, con punte anche del 75% in alcuni seggi, a Ziano ha vinto il “no” con una percentuale del 62% di contrari alla fusione.

Altro dato eclatante, quello relativo all’astensione che a Borgonovo si è attestata al 70% con solo 1700 dei 5822 aventi diritto al voto che si sono presentati ai seggi per votare. A Ziano, ha votato il 52% degli aventi diritto, ovvero 1.165 cittadini iscritti sui 2.233 iscritti alle liste elettorali.

Per ciò che concerne il quesito numero due, ovvero la scelta del nome del nuovo ente, prevale di un soffio “Borgonovo-Ziano” (36,47%) che la spunta su “Borgonovo e Ziano” (36,04%); distaccato, al 27,49% il nome “Valtidone”.

Per il sindaco di Borgonovo Roberto Barbieri “a Ziano hanno prevalso logiche diverse dal sostegno al sì che vanno rispettate”, mentre per il collega di Ziano Manuel Ghilardelli si tratta di un “responso inequivocabile. La maggioranza degli abitanti di Ziano si è espressa e lo ha fatto per il no”.

IMG_4807.PNG

IMG_4808.PNG

Aggiornamento
Arrivano i primi dati ufficiali dai comune di Borgonovo e Ziano. Sono quelli relativi all’affluenza: complessivamente il dato si assesta al 36,51%.

A Ziano, per il quesito numero uno, quello relativo all’assenso o meno alla fusione, ha votato il 52,17% degli aventi diritto, mentre si attesta al 51,54% il dato dei votanti al quesito due, quello relativo al nome del possibile nuovo ente. A Borgonovo, affluenza molto inferiore alle attese: ha votato il 30,50% per il quesito numero uno, il 30,40% per il secondo.

Aggiornamento
Gli elettori di Ziano e Borgonovo stanno rispondendo in maniera differente all’invito a votare per il referendum circa il “sì” o il “no” alla fusione tra i due comuni.

Se a Borgonovo il 13% circa degli aventi diritto si è recato al seggio, a Ziano la percentuale è stata fino ad ora del 23%. Le operazioni di voto proseguiranno fino alle 23.

Notizia delle 6
Fusione tra Borgonovo e Ziano, parola ai cittadini. Oggi è, infatti, il giorno del referendum per decidere se dare vita a una unica realtà amministrativa oppure se lasciare tutto com’è.

“Volete che i Comuni di Borgonovo e Ziano siano unificati in un unico Comune mediante fusione?”. E’ il quesito principale a cui, dalle 7 alle 23, potranno rispondere con un “sì” oppure con un “no” gli 8.055 elettori che hanno diritto a esprimersi. A Borgonovo sono 5.822 e avranno a disposizione sette seggi all’interno dei locali delle scuole elementari e medie, oltre a quello speciale per l’ex Istituto Andreoli. A Ziano, invece, i 2.233 aventi diritto potranno votare in tre seggi: due nel capoluogo (nel’edificio scolastico lungo via Roma) e uno nell’immobile che un tempo ospitava le scuole elementari di Vicobarone.

Alla chiusura delle operazioni subito via allo spoglio: il risultato dovrebbe arrivare nel giro di breve tempo e sarà consultabile sul nostro sito www.liberta.it.

Accanto alla scheda grigia per approvare o meno il progetto di fusione, gli elettori se ne vedranno consegnare un’altra di colore rosa, destinata a stabilire il nome dell’eventuale nuovo Comune: le tre alternative sono “Borgonovo e Ziano”, “Borgonovo-Ziano” e “Valtidone”. Non è obbligatorio ritirare entrambe le schede.
Per poter votare occorre avere con sé un documento di identità valido e la propria tessera elettorale. In caso di successo dei “sì” i due Comuni di fonderanno e daranno vita a una singola amministrazione a partire dal primo gennaio 2017; nel caso invece prevalessero i “no” Borgonovo e Ziano rimarrebbero autonomi come sono oggi.

Scheda 2-BORGONOVO VAL TIDONE e ZIANO PIACENTINO ref 2

© Copyright 2021 Editoriale Libertà