Due scosse di terremoto in alta Valtrebbia. Castelli: “Frequenti, approfondire gli studi”

30 Marzo 2016

Screenshot - 30_03_2016 , 10_51_36

Ancora due scosse di terremoto nell’alta Valtrebbia. La prima alle 10.06 di questa mattina: la terra ha tremato nella zona compresa tra Cerignale, Cortebrugnatella e Coli con magnitudo 2.7 della scala Richter. L’epicentro del sisma è stato rilevato da Ingv, l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, a 4 km di profondità.

Al momento non vengono segnalati danni a cose o persone. La scossa è stata chiaramente avvertita dalle persone, che a quell’ora si trovavano in casa o al lavoro.

“Scosse di questo tipo sono abbastanza frequenti dalle nostre parti – ha detto il sindaco di Cerignale Massimo Castelli raggiunto al telefono -, ne capita almeno una all’anno. Sembra che non abbia causato danni e anche se non sono mai state particolarmente violente generano comunque apprensione nella popolazione – ha proseguito Castelli -. Sarebbe opportuno approfondire gli studi sul territorio per capire il grado di pericolosità di queste scosse”.

Un’altra scossa più lieve, di magnitudo 2.2, si è verificata circa mezz’ora prima tra Coli e Bobbio, con epicentro a 9 km di profondità.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà