Ubriachi al volante, auto fantasma, arma illegale. Raffica di denunce dei carabinieri

11 Aprile 2016

Controlli dei Carabinieri di notte (9)

Sono cinque le persone denunciate tra ieri e oggi dalla Compagnia dei carabinieri di Fiorenzuola nel corso di un servizio mirato di controllo del territorio sui comuni di competenza.

ALCOL AL VOLANTE. Il primo caso si è verificato a Fiorenzuola. Un 24enne di Cremona è stato colto dai militari mentre si trovava al volante della sua auto visibilmente ubriaco.L’alcoltest ha rilevato nel sangue del ragazzo una quantità di alcol di 1,40 grammi per litro, quasi tre volte il limite consentito. Quindi è scattato il ritiro della patente e la denuncia per guida in stato d’ebbrezza.

SCHIANTO E FUGA. Ben più grave il caso di un altro 24enne, questa volta residente a Parma, che dopo aver provocato un incidente stradale ha pensato di fuggire per far perdere le proprie tracce. Il giovane, a bordo di una Citroen, aveva provocato un incidente in via Scapuzzi a Fiorenzuola finendo contro un’altra auto e provocando anche alcuni feriti, seppure di lieve entità. Dopo lo schianto, però, invece di attendere l’arrivo dei soccorsi e delle forze dell’ordine ha preferito fuggire. Rintracciato tramite le descrizione del mezzo e il numero di targa, è stato denunciato a piede libero per fuga da incidente con danno a persone o omissione di soccorso.

TARGA TEDESCA. Pensava di farla franca dopo aver oltrepassato il confine italiano con la sua nuova auto “tedesca” ma si è invece beccato una denuncia per ricettazione. Un 43enne di origine calabrese è stato fermato dai carabinieri di Fiorenzuola a bordo di un’auto con targa tedesca che risultava segnalata in tutta Europa – in base agli accordi di Schengen – per un reato penale. È risultato infatti che il 43enne, dopo aver acquistato a rate l’auto in Germania, una volta tornato in Italia ha smesso di pagare i bollettini. Da qui l’accusa di ricettazione.

AUTO FANTASMA. Sempre un’auto è protagonista di un’altra vicenda, questa volta verificatasi a Monticelli d’Ongina. Qui un 42enne di Cremona, titolare di un’officina, ha venduto una vettura ad un cittadino romeno, intascando subito 15mila euro ma “dimenticandosi” di consegnare l’auto al nuovo proprietario, avanzando di volta in volta diverse scuse. L’auto, nel frattempo, è scomparsa e i carabinieri sono sulle sue tracce dopo la denuncia del romeno. Nel frattempo il 42enne è stato denunciato per truffa.

ARMA ILLEGALE. Infine, è stato denunciato anche un 86enne di Gropparello a seguito di controlli mirati su coloro che, in possesso di porto d’armi, detengono in casa fucili o pistole. Controllando le armi presenti, infatti, i carabinieri hanno trovato una carabina e 398 colpi non denunciati: sono quindi scattati il sequestro e la denuncia per detenzione illegale di armi e munizioni; ora l’86enne rischia di non vedersi rinnovare il porto d’armi.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà