Provincia

Crociglia, allarme cinghiali. Pascoli devastati. Il sindaco: “Occorre intervenire”

17 agosto 2016

IMG_5902.JPG

Allarme cinghiali sul monte Crociglia e dintorni. Se una volta il monte del comune di Ferriere con i suoi manti erbosi rappresentava l’Eden per vacche e pecore, oggi è ormai diventato terra di conquista per branchi di cinghiali che l’hanno trasformato in un campo arato e polveroso.

Chi domenica scorsa ha partecipato al sessantesimo della festa dell’Angelo sulla vetta a 1572 metri di altitudine, ha potuto osservare da vicino i pendii ridotti a cumuli di terra e paglia provocati dalle scorribande degli ungulati, sempre più numerosi.

Nelle stesse condizioni critiche del Crociglia ci sono tantissimi altri pascoli dell’alta Valnure e della Valdaveto, da sempre terreni preziosissimi per gli allevatori e gli agricoltori della zona, dunque per l’economia delle valli. “E’ una situazione spaventosa e incontrollata”, ha denunciato il sindaco di Ferriere Giovanni Malchiodi.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Provincia Val D'Arda Val Nure Video Gallery

NOTIZIE CORRELATE