Gambaro di Ferriere, cittadini in coro: “No a 30 profughi”

10 Aprile 2017

A Gambaro, dopo l’apertura delle offerte per l’accoglienza di richiedenti asilo, la tensione è alle stelle. Nel borgo del comune di Ferriere, abitato da una quindicina di persone, dell’arrivo di 30 profughi non vogliono neppure sentir parlare, dopo che un privato ha messo a disposizione il vecchio albergo della frazione, chiuso da trenta anni.

L’associazione “Multiethnic destination International”, di Piacenza, ha presentato richiesta in prefettura per l’accoglienza di trenta richiedenti asilo, tutti uomini, a Gambaro, nei locali disponibili. La stessa associazione ha chiesto di poter accogliere anche 40 persone in strada dell’Anselma, a Piacenza, e altre 30 ad Albone, frazione di Podenzano. Le offerte, in queste ore, vengono valutate dalla prefettura; ci sarà una graduatoria, ma, intanto, i residenti di Gambaro hanno messo le mani avanti e fatto sentire la loro voce. Un coro di no.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà