Lavoratori verso lo stato di agitazione. Sindacati: “No al piano aziendale”

03 Maggio 2017

Le lavoratrici e i lavoratori della Malo di Borgonovo incroceranno la braccia. Lo stato di agitazione è stato deciso al termine di un’assemblea sindacale in cui tutti e 38 i dipendenti, quasi tutte donne, hanno deciso di andare verso lo stato di agitazione dopo che la proprietà ha sostanzialmente deciso di esternalizzare la produzione . Modi e tempi dello sciopero saranno concordati con i lavoratori (60) dello stabilimento fiorentino.”Le organizzazioni sindacali – dice Massimo Tarenchi (Filctem Cgil) – respingono il piano dell’azienda, che è solo un proseguimento delle politiche di tagli del passato, e chiedono vere politiche di rilancio in grado di tutelare l’occupazione e garantire un futuro ad una produzione di altissima qualità”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà