Donatella Scardi di Telefono Rosa denuncia: “Defraudata della mia identità”

Ignoti le hanno falsificato i documenti per ottenere una carta di credito.

01 Giugno 2017

“Purtroppo può capitare a tutti e anche questa è una forma di violenza. Mi sono sentita defraudata della mia identità. Ignoti hanno richiesto a mio nome e presentando documenti contraffatti una carta di credito. Fortunatamente la mia banca si è accorta di alcune anomalie e mi ha contattato, consentendomi di bloccare l’operazione”. A parlare è la presidente del Telefono Rosa di Piacenza Donatella Scardi, che racconta a Telelibertà una vicenda che ha vissuto in prima persona. Lo scorso lunedì Scardi ha denunciato l’accaduto alla polizia postale, alla quale sarebbero già stati segnalati fatti analoghi: “Ignoti – spiega Scardi – hanno falsificato la mia patente e il mio tesserino sanitario allegandoli al modulo per chiedere la carta di credito, con la quale probabilmente intendevano fare acquisti a mie spese. E’ possibile che intendessero anche firmare contratti a mio nome. Sono riusciti a trovare il mio codice Iban. Quanto mi è accaduto è molto grave e ho deciso di parlarne perché purtroppo può succedere a chiunque”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà