Fondazione vittime di reati

Violenze e stalking: dal 2005 finanziate 25 istanze nel piacentino

28 luglio 2017

Omicidi, femminicidi, violenze sessuali, violenze in famiglia, rapine particolarmente efferate. Dopo il clamore della notizia i riflettori si spengono e chi ha subito direttamente si trova ad affrontare svariate necessità: l’affitto o il mutuo per una nuova abitazione per fuggire dallo stalker, gli studi, le cure mediche, o psicoterapeutiche. È qui che entra in gioco la Fondazione emiliano-romagnola per le vittime dei reati istituita dalla Regione con l’appoggio dei Comuni capoluogo e delle Province. “Allertato” dal sindaco del luogo dove il fatto è accaduto, o del Comune dove risiede la persona offesa, l’ente stabilisce in tempi brevi l’ammissibilità delle istanze e assegna un contributo in denaro per interventi mirati. Sono 25 le domande accolte nella provincia di Piacenza, dal 2005 al 2016, dalla fondazione. Le istanze sono state finanziate con 177mila euro. Il bilancio è stato tracciato dall’ente il cui timone è stato affidato oggi, 28 luglio, allo scrittore e regista Carlo Lucarelli. Complessivamente, in regione, sono state aiutate 561 vittime.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE