Incidente a Castel San Giovanni nel 2014

Morte del carabiniere Luca Di Pietra, camionista condannato a due anni e sei mesi. Disposti risarcimenti per 225mila euro

21 novembre 2017

E’ stato condannato a due anni e sei mesi di pena il camionista romeno accusato di omicidio colposo e lesioni in seguito alla morte dell’appuntato dei carabinieri Luca Di Pietra. Il 29 settembre 2014, lo straniero aveva parcheggiato il camion contromano lungo la strada Colombarola a Castel San Giovanni nella zona del polo logistico e la gazzella dei carabinieri condotta da Luca Di Pietra, lanciata all’inseguimento di un’auto sospetta, si schiantò a 130 km/h contro il tir in sosta. L’impatto costò la vita a Di Pietra e provocò gravi conseguenze per il collega appuntato Massimo Banci. “La posizione dell’autoarticolato non era perfettamente percepibile da chi guidava”, aveva affermato il pubblico ministero Antonio Rubino chiedendo per il camionista una pena di due anni e sei mesi. La richiesta è stata accolta dal giudice Italo Ghitti che ha anche disposto un risarcimento provvisionale complessivo di 225mila euro.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Val Tidone

NOTIZIE CORRELATE