Sono tornati a casa i piacentini rimasti bloccati a New York: “E’ stata un’odissea”

11 Gennaio 2018


Sono atterrati all’aeroporto di Malpensa i turisti piacentini partiti il 2 gennaio scorso per gli Stati Uniti e che, stando ai programmi, avrebbero dovuto fare ritorno a Piacenza domenica 7 gennaio. E invece non è stato così.

Le nevicate e soprattutto le temperature polari registrate a New York, hanno messo in ginocchio l’aeroporto JFK, nei giorni scorsi: oltre 6mila voli cancellati e una lunga odissea per il gruppo di oltre 20 piacentini che soltanto la notte scorsa è riuscito ad imbarcarsi e a fare ritorno in Europa. Stamattina, 11 gennaio, il gruppo è atterrato all’aeroporto milanese e, a bordo di un pullman, è arrivato al parcheggio dello Stadio a Piacenza.

“E’ stata una settimana molto dura – ha raccontato dopo l’arrivo allo scalo milanese Giovanni Peroni – ci siamo sentiti per certi versi abbandonati, ma fortunatamente siamo giunti al termine di queste peripezie e di una vacanza che ricorderemo a lungo”.

Ad assistere il gruppo c’era Emanuela Lanzetta della Valnure Viaggi di Podenzano: “Siamo stati portati in un albergo a cento chilometri dalla città e dovevamo spostarci ogni giorno, sborsando 300 euro per il taxi, per raggiungere l’aeroporto e reperire informazioni sul nostro volo annullato. L’agenzia ha così deciso di pagare di tasca propria un alloggio più comodo per i propri clienti. Chiederemo il rimborso” – ha spiegato la responsabile del gruppo.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà