Caorso, a maggio partono i primi otto container con scorie radioattive

27 Gennaio 2018

“Partiranno a maggio i primi otto container con le scorie della centrale di Caorso diretti all’impianto di Bhounice, in Slovacchia, individuato per il trattamento dei rifiuti radioattivi dell’impianto piacentino. Si tratterà delle prove generali delle attività previste per tutti i 5.500 fusti di resine a scambio ionico: in caso di esito positivo, daranno il via libera finale alla dismissione”.

Lo ha annunciato la Regione Emilia-Romagna al termine del Tavolo per la trasparenza a Piacenza con l’assessore regionale Paola Gazzolo, Maurizio Pernice e Alessandro Bratti, rispettivamente nuovi direttori di Isin (Ispettorato nazionale per la sicurezza nucleare) e Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), Giuseppe Borbone, direttore di Arpae, Paolo Rossi del ministero della Salute e Ivo Velletrani di Sogin.

A Bhounice sono già in corso le opere di adeguamento strutturale del sito che, entro marzo, verrà dotato di un apposito sistema di tritatura ed essiccazione, indispensabile per le attività di trattamento delle scorie. Il trasferimento delle resine avverrà non appena saranno conclusi i lavori di adeguamento degli impianti slovacchi. “Puntiamo ad accelerare i tempi”, hanno chiarito al Tavolo di confronto.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà