Famiglie colpite da gravi crimini: aiuti arrivano anche a Piacenza

07 Febbraio 2018

 

Sono 9 i nuclei familiari colpiti da gravi crimini rispetto ai quali la Fondazione emiliano-romagnola per le vittime dei reati, presieduta da Carlo Lucarelli, ha da poco stanziato 81.500 euro (206 mila euro in tutto nel 2017 per 26 casi). I fondi, una tantum, sono stati consegnati o lo saranno a breve alle vittime o ai familiari per permettere loro di affrontare nell’immediato le difficoltà economiche o psicologiche più urgenti causate dal reato.

Tra le istanze analizzate e accolte dalla Fondazione regionale, due riguardano omicidi. Una per un aiuto ai familiari del giovane ferrarese ucciso il 2 luglio scorso a Valencia (per il fatto è in attesa di giudizio un coetaneo che già da tempo lo tormentava e che è detenuto per stalking). Un sostegno è stato poi riconosciuto anche a Parma, per i familiari della ragazzina di 11 anni e della madre, entrambe ghanesi, uccise a coltellate nel luglio scorso. È accusato del crimine uno dei fratelli maggiori della ragazzina.

Le altre istanze accolte, provenienti dalle province di Bologna, Reggio Emilia, Parma e Piacenza.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà