Morbillo: 80 casi in 10 anni. Colpiti soprattutto i genitori non vaccinati

28 Febbraio 2018

Ottanta casi di morbillo registrati nella provincia di Piacenza negli ultimi 10 anni. Il virus è tornato a far paura soprattutto a livello nazionale. Nel Piacentino, a proteggere, è la copertura vaccinale contro la patologia che si aggira attorno al 96%. Per questo motivo i casi registrati, dal 2007 ad oggi, sono stati 80, concentrati nelle fasce di età tra i 15 e 24 anni (26 casi) e tra i 25 e 44 anni (43 casi). Solo tre casi hanno riguardato bambini. Gli anni 2008, 2010, 2014 e 2016 sono stati quelli in cui si è verificato un sostanziale incremento di contagiati. Correre ai ripari si può: basta aderire alla campagna di vaccinazione dell’Ausl di Piacenza. E per chi volesse ricostruire la propria “storia vaccinale” c’è l’opportunità di rivolgersi all’Ufficio di igiene sanità pubblica di piazzale Milano ogni lunedì mattina dove, personale qualificato, rilascerà un certificato con tutte le informazioni relative ai vaccini effettuati nel corso della propria vita. Senza muoversi da casa si può anche attivare il fascicolo sanitario elettronico, uno strumento che permette di avere sempre in ordine i documenti e le informazioni che riguardano la salute. E’ come un cassetto dove è riposta e ordinata tutta la documentazione sanitaria. Si può consultare in qualsiasi momento dal computer, tablet e smartphone.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà