Divampato alle 23 di ieri

Domato l’incendio all’azienda Trs di Caorso. Gli esperti: nessun danno ambientale

29 giugno 2018

E’ stato definitivamente domato nelle prime ore di questa mattina, 29 giugno, l’incendio di grandi proporzioni divampato ieri notte in un capannone dell’azienda Trs di Polignano (Caorso), che si occupa del trattamento di rifiuti industriali. Decisivo l’intervento operato da numerose squadre di vigili del fuoco, alcune delle quali sono accorse addirittura da Bologna, che hanno spento le alte fiamme che avevano avvolto gran parte della struttura.

“Stando ad una prima verifica – ha affermato ai nostri microfoni l’amministratore delegato della Trs Claudio Dodici, intervistato questa mattina – e da quanto visionato grazie alle numerose telecamere, pare che l’incendio sia stato causato da un innesto spontaneo su una baia dove erano stoccati dei rifiuti triturati, miscelati e omogeneizzati destinati a termovalorizzatori tedeschi. Assieme ai nostri tecnici, ai vigili del fuoco e all’Arpae stiamo quindi cercando di capire come sia potuto capitare un innesto di questo tipo”.

Gli stessi tecnici di Arpae, stando sempre ad una prima analisi, escludono il rischio di un possibile danno ambientale, dovuto alle esalazioni scatenate dall’incendio: “Le misure rilevate mediante uno strumento che nell’immediato fornisce un’indicazione sul livello di inquinamento da sostanze organiche volatili hanno dato un esito rassicurante – ha aggiunto Daniela Berti, responsabile Arpae del distretto di Fiorenzuola, sentita al termine del tavolo di aggiornamento di questa mattina in prefettura – perchè sono nulle o prossime allo zero“.

Infine, il prefetto di Piacenza Maurizio Falco, oltre a complimentarsi con tutte le unità di soccorso coinvolte nell’operazione, ha informato che “tale incidente diventerà, anche se si stratta di un avvenimento risolto in maniera pronta e tempestiva, un caso di studio per migliorare ancora di più la fase preventiva di questi eventi“.

GUARDA LE INTERVISTE

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Provincia

NOTIZIE CORRELATE