Ferie alternative

Edoardo e Daniela volontari in Nigeria. “La felicità non dipende da ricchezza o povertà”

19 settembre 2018


Ferie che segnano l’esistenza quelle vissute da Edoardo Palpi e Daniela Sagagli, una coppia di piacentini che nel mese di agosto ha trascorso due settimane a Kaduna, nel nord della Nigeria, un’area estremamente povera e poco sicura. Insieme ad altri volontari e a una ventina di ragazzi africani, i piacentini legati al Cammino neocatecumenale della parrocchia cittadina di San Giuseppe Operaio, hanno ristrutturato un centro parrocchiale dove opera anche don Maurizio Pallù, il sacerdote fiorentino rapito e rilasciato alcuni mesi fa. E’ stata la sua testimonianza a convincere i piacentini a partire. La struttura è stata abbellita anche da un affresco.

“In quelle zone con cinquanta euro una famiglia vive per tre mesi. Eppure nessuno ci ha chiesto un centesimo. Non hanno nulla di materiale ma hanno una profonda dignità e una gioia di vivere che da noi, nonostante tutte le comodità, è difficile da incontrare. Al nostro arrivo non avevamo le valigie a causa di un disguido e per cinque giorni sono stati loro a fornirci tutto ciò di cui avevamo bisogno, ci hanno dato i loro vestiti che sono la cosa più preziosa. Ancora una volta abbiamo capito che la felicità non dipende dalla ricchezza o dalla povertà. Queste persone vivono la fede con grande gioia ed erano davvero entusiaste di poter rendere più accoglienti i luoghi che frequentano abitualmente per pregare” hanno raccontato Edoardo e Daniela.

ASCOLTA LE INTERVISTE

 

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza