Formalizzata "C.a.mino"

Violenze domestiche con minori, 40 interventi e 23 richieste di accoglienza

28 settembre 2018

Minori soccorsi durante liti in famiglia e violenze domestiche. Le forze dell’ordine si scontrano con situazioni molto pesanti e spesso i bambini o ragazzi vengono collocati altrove. Dall’inizio dell’anno sono stati oltre 40 gli interventi e 23 le richieste di sistemazione. Grazie e all’interessamento della Prefettura la rete che si occupa di progetti di assistenza fatta di enti locali, Ausl, Questura e privato sociale è stata formalizzata. Otto associazioni piacentine hanno unito le forze garantendo operatori attivi 24 ore su 24h e 5 posti di emergenza dando vita a C.a.mino un’associazione di secondo livello che raggruppa le realtà di accoglienza.

“C.a.mino” coordina un servizio di emergenza a disposizione del territorio, rivolto a tutti i tipi di presa in carico (dai 6 ai 17 anni) che può essere attivato dal servizio sociale così come dalle forze dell’ordine oggi costrette spesso a rivolgersi ad altre province. Una rete che può rappresentare un risparmio per i comuni che devono pagare di tasca propria i trasferimenti dei minori in altri territori.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza