Sospensione della attività per sei mesi

“Commenti sconvenienti alle pazienti”, un anno e otto mesi a un proctologo accusato di violenza sessuale

26 ottobre 2018

Condannato ad un anno e otto mesi un proctologo accusato di violenza sessuale nei confronti di tre pazienti donna. Una sentenza lieve ma che si spiega con il fatto che due perizie, una promossa dall’accusa e l’altra dalla difesa, hanno stabilito che le “manovre” del proctologo nei confronti delle pazienti erano da considerarsi corrette. Non è stato invece possibile trovare giustificazione, almeno pare – per quanto riguarda certi sconvenienti commenti espressi dal medico, un sessantenne piacentino – nel corso delle visite compiute sulle sue pazienti.

La sentenza è stata pronunciata l’altro giorno dal gip Stefania Di Rienzo. Il pm Ornella Chicca al termine della sua requisitoria aveva chiesto un anno e otto mesi, richiesta pienamente accolta dal giudice. Il proctologo si è presentato in aula accompagnato dalla moglie. Gli avvocati difensori hanno fatto sapere che valuteranno le motivazioni della sentenza e il ricorso in appello appare quindi scontato.

Il giudice ha inoltre stabilito la sospensione per sei mesi dall’attività professionale di proctologo per l’imputato. Sospensione che entrerà in vigore qualora il medico sia riconosciuto colpevole in via definitiva.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE