"Scelta in comune"

Donazione di organi sulla carta d’identità: 10mila piacentini favorevoli, ma 2.800 hanno detto no

20 dicembre 2018


Sono 9.710 i piacentini che hanno detto sì al consenso alla donazione di organi tramite la carta d’identità. E’ tempo di primi bilanci per la “Scelta in comune”. Ad oggi hanno aderito 39 comuni su 46. A Piacenza si sono registrati oltre 3500 consensi, seguita da Rottofreno con quasi 900 sì, 628 a Castel San Giovanni, 538 a Podenzano, 429 a Fiorenzuola, 366 a Bettola e oltre 300 a Cadeo e Caorso. C’è anche chi si è detto contrario o ha chiesto tempo per valutare. Un piccolo esercito formato da 2.827 piacentini.

Il 2018 è stato un anno particolarmente difficile e segnato da due gravi lutti per l’Aido, associazione donatori di organi. Se ne sono andati il presidente Luigi Baldini e il vice Michele Lizzori. Due pesantissime perdite. Il testimone è passato nella mani di Roberto Mares, a cui sta toccando il delicato compito di portare avanti le battaglie e superare gli ostacoli. Quest’anno sono state 132 le nuove iscrizioni ma c’è ancora tanto da fare.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE