Firmato il protocollo

Piacenza diventa capitale dei cavalli. Installazioni, una mostra sulla natura morta e sagrestie di San Sisto aperte per la prima volta

27 dicembre 2018

Piacenza si appresta a diventare capitale dei cavalli. Comune, Curia, Fondazione di Piacenza e Vigevano e Camera di Commercio hanno di nuovo unito le forze, dopo il lavoro fatto con il Guercino, per rilanciare il turismo puntando ancora una volta sulla cultura. Stamattina, 27 dicembre, la firma del protocollo per stabilire finalità e impegni del progetto che avrà durata triennale. Piacenza da città dei Papi a città del Ducato Farnesiano: un percorso lungo due secoli che verrà valorizzato tramite tre iniziative.

Saranno proprio i cavalli farnesiani i protagonisti di questo impegno. L’idea è di installare opere equestri di diversi artisti in punti nevralgici della città, ma non solo. Verrà allestita una mostra sulla natura morta tra XVII e XVIII secolo con particolare attenzione rivolta ai rituali del cibo e la possibilità di assaporare sul posto (Palazzo Farnese) i prodotti enograstronomici del nostro territorio. E ancora: una San Sisto inedita si presenterà ai piacentini con tanto di valorizzazione della Madonna Sistina e l’apertura di sagrestie nascoste e degli appartamenti dell’abate mai visti prima. Tutti gli attori coinvolti hanno tenuto a sottolineare che si tratta di una sfida legata a Parma capitale della cultura 2020 e che è aperta a tutti.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza