Rossi subentra a Fuochi: “Tempi difficili, serve senso di appartenenza”

06 Febbraio 2019

Avvicendamento tutto piacentino al vertice del Distaccamento aeroportuale di San Damiano, il comandante tenente colonnello Giovanni Fuochi ha ceduto il testimone al tenente colonnello pilota Francesco Rossi che dal 2017 era capo sezione addestramento al Comando Forze da Combattimento di Milano. La cerimonia si è svolta all’hangar 1 dell’aeroporto piacentino alla presenza del comandante del 6° Stormo di Ghedi, colonnello pilota Luca Maineri, dei militari e delle autorità locali.
Il piacentino Fuochi nella Forza azzurra dal 1982, a San Damiano da 11 anni, domani compirà 60 anni ed entrera’ in “ausiliaria”, un periodo di cinque anni in cui potrà essere richiamato dall’Aeronautica e presso enti pubblici prima della pensione. “I momenti più significativi da comandante sono legati a eventi funesti come i funerali di Stato del generale Fabrizio Castagnetti e del sergente Mirko Rossi, abbiamo allestito tutto nel giro di poche ore e questo ha saputo dimostrare la vocazione all’operatività di questa base”.
Il tenente colonnello Rossi ha parlato di un periodo difficile e della necessità di far emergere il senso di appartenenza. “Sono nato qui come pilota ed è emozionante tornare come comandante. Le risorse sono ridotte quindi dobbiamo usare l’ingegno per massimizzare ciò che abbiamo a disposizione”.
Il colonnello Luca Maineri ha ringraziato Fuochi per aver mantenuto il prestigio della base da quando gli aerei sono stati trasferiti a Ghedi. A San Damiano dove lavorano circa 150 persone si attende la firma del Ministero dei Beni culturali per la nascita del Polo nazionale velivoli storici in dotazione all’Aeronautica militare.

 

 

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà