Nel 2019 già 30 sforamenti delle polveri sottili. Misure d’emergenza fino a giovedì

25 Febbraio 2019

Trenta giorni di sforamento delle polveri fini da inizio anno, e misure emergenziali in vigore fino a giovedì. Il bel tempo fa sentire i suoi influssi sulla qualità dell’aria. Nonostante ieri l’aria sia tornata respirabile, con i valori di Pm10 che non hanno superato i 35 microgrammi al metro cubo, resteranno in vigore sino a giovedì 28 febbraio, data di emissione del prossimo bollettino Arpae, le misure emergenziali di contenimento dell’inquinamento atmosferico previste dal Piano regionale integrato per l’aria, già in vigore senza interruzioni da martedì 19.

Il bel tempo di questi giorni ha reso più gradevole l’inverno, ma  ha favorito l’accumulo di smog. Nel mese di febbraio sono già stati 15 i giorni di sforamento delle polveri sottili registrati a Piacenza che sommati ai 15 di gennaio raggiungono quota 30. Il limite concesso dall’Unione Europea è di 35 giornate fuorilegge all’anno, e dunque Piacenza in soli due mesi si è avvicinata pericolosamente alla soglia.

E le proiezioni realizzate da Arpae per i prossimi giorni non promettono nulla di buono, con una sempre maggiore concentrazione di polveri fini.

Fino a giovedì quindi alle limitazioni al traffico già in vigore dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 18.30, si aggiunge il blocco della circolazione per i mezzi diesel Euro 4, oltre al divieto di sosta con motore acceso per tutti i veicoli.
Contestualmente, la temperatura media nelle abitazioni non potrà superare i 19°, mentre il limite massimo si assesterà a 17° negli spazi commerciali e ricreativi. Vietato anche l’utilizzo di biomasse destinate al riscaldamento domestico (in presenza di impianto alternativo), con classe energetica ed emissiva inferiore alle quattro stelle. Tra le misure emergenziali rientra infine il divieto di combustione all’aperto (dall’eliminazione di residui vegetali ai falò, dai barbecue ai fuochi d’artificio), nonché il divieto di spandimento dei liquami zootecnici con modalità non ecosostenibili. In questa fase, il Comune fa sapere che sono potenziati i controlli in tutti gli ambiti soggetti a restrizioni.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà