Menù dell’8 marzo scatena i social: “Sessista”. Ristoratori lo rimuovono

01 Marzo 2019

Il menù di un ristorante può suscitare un polverone di polemiche. È successo a Castelsangiovanni dove i titolari di un locale hanno pubblicato sulla propria pagina Facebook un post con il menù della festa della donna in programma l’8 marzo. Un menù (che proponeva alcuni piatti come il pacco dello chef a sorpresa, paccheri con il pistolino del marinaio, natiche del salumiere e tante altre portate con nomi allusivi con doppi sensi) giudicato da molti sessista, tanto da indurre i responsabili del locale a eliminare il post e anche il menù.

Questo non è bastato però ad arginare i commenti da parte degli utenti. Tra loro c’era chi giudicava la cosa una semplice goliardata e chi un’iniziativa di cattivo gusto. Dal canto loro i responsabili si sono detti “rammaricati se qualcuno si è sentito offeso”. “Ci teniamo a sottolineare che in questo locale – spiegano – lavorano più donne che uomini e che, a differenza da ciò che statisticamente accade in Italia, qui tutti ricevono lo stesso trattamento”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà