Cani destinati a restare tutta la vita nei box trovano famiglia: 160 adozioni in due anni

04 Marzo 2019

C’è Lulù, la più anziana e Lady Oscar che cammina grazie a un ausilio. E poi ci sono altri 73 cani che non aspettano altro di trovare una famiglia. E’ il piccolo esercito di amici a quattro zampe ospitato presso il canile di Piacenza gestito dal Consorzio Stabile Indaco. Le adozioni hanno raggiunto numeri record: 160 negli ultimi due anni. Nel 2018 hanno trovato famiglia anche quelli destinati a morire nei box per anzianità o per problemi caratteriali. Claudio Gambarini, responsabile della struttura, è anche istruttore cinofilo comportamentista. E’ lui che riesce a “recuperare” anche i casi più difficili e ostici dando una chance in più agli animali. “Le famiglie che adottano sono seguite in un percorso di affiancamento e non vengono mai lasciate sole – ha spiegato ai microfoni di Telelibertà. Prima di affidare un cane spieghiamo sempre che l’adozione deve essere vissuta come un impegno serio”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà