Questore invita i gestori dei locali a “captare” i disagi. “Bisogna avere il coraggio di non servire alcolici a chi è già in stato di alterazione”

11 Marzo 2019

“Dobbiamo fare tutti la nostra parte e chiederci perché accadono queste cose. Il dramma che si è consumato nella notte tra sabato e domenica è un fatto gravissimo” – è il commento che Pietro Ostuni, Questore di Piacenza – ha rilasciato a Telelibertà questa mattina, 11 marzo, in riferimento all’incidente provocato da un giovane che, con la sua Seat Leon, ha investito un ciclista in via Giordani riducendolo in fin di vita e poi si è schiantato contro un albero in via Alberici. In auto con lui c’erano tre amici rimasti gravemente feriti. Le analisi hanno confermato che il 24enne piacentino guidava sotto effetto di alcol e droghe. “Penso alle famiglie dei ragazzi coinvolti, anche a quella del conducente – ha spiegato il Questore – occorre far capire che ci si può divertire in modo sano e che mettersi al volante dopo aver bevuto o assunto sostanze stupefacenti può avere conseguenze molto serie”. Ostuni ha ricordato gli sforzi profusi dalle forze dell’ordine sempre in campo per prevenire questi fenomeni e ha richiamato alla responsabilità i gestori dei locali piacentini: “Ne abbiamo chiusi 16 proprio per irregolarità che impattavano sulla sicurezza pubblica e proseguiremo con i controlli. La riflessione è delicata – ha aggiunto il Questore – bisogna avere il coraggio di formare i propri collaboratori e di dire un no di fronte a una persona che è in evidente stato di alterazione”.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà