Memoria della strage

Studenti del Tramello in visita a Capaci, ponte culturale in luoghi simbolo

31 marzo 2019

“Il senso inviolabile delle Istituzioni e dello Stato è un valore da preservare e promuovere soprattutto tra le generazioni più giovani”. Commenta così l’Assessore alla cultura di Piacenza Jonathan Papamarenghi l’incontro che ha visto alcuni studenti delle classi terze e quarte dell’Istituto Tramello con il fotografo Antonio Vassallo, primo ad essere arrivato nei luoghi della strage di Capaci dove fu assassinato il magistrato antimafia Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, anche lei magistrato, e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro.

Accompagnati durante il viaggio d’istruzione nella regione Sicilia dagli insegnanti Giulio Magnani, Chiara Bussacchini, Salvatore Roccaforte, Filippo Valla, Emanuela Baldini, i giovani hanno potuto sentire dalla viva voce del fotografo le parole che hanno ripreso un momento cruciale e di profondi stravolgimenti della nostra storia recente.

“Significativo – conclude l’Assessore – è questo ponte culturale tra i nostri ragazzi e chi può testimoniare in modo diretto un così grave dramma che ha colpito le nostre Istituzioni e, pertanto, tutto il Paese; dramma del quale è bene tener viva la memoria come importante monito anzitutto in chi quegli anni, pur vicini, non li ha vissuti. Proprio a suggello di tale positivo incontro, a ringraziamento dell’opportunità offerta ai nostri giovani ed in rappresentanza della Città di Piacenza, orgogliosamente insignita di Medaglia d’oro al Valor Militare per i meriti nel difendere libertà e democrazia, ho affidato alcuni volumi legati alla storia ed alla cultura della nostra Città da consegnare, tramite Antonio Vassallo, alla Biblioteca comunale di Capaci recentemente dedicata a Francesca Morvillo, moglie di Falcone”.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE