Su Telelibertà

Don Cesena a Nel Mirino: “Genitori imparate a mettervi in discussione”

19 aprile 2019

“La Chiesa, oggi, è la realtà più trasgressiva e anarchica in Italia. La missione cattolica deve incunearsi nella penombra, lavorando negli spazi grigi dove non arrivano gli enti pubblici”. Don Pietro Cesena, parroco di Borgotrebbia, prova a incarnare – a modo suo – questo spirito ribelle: schiaffeggia la politica “che non bada ai nostri giovani”, riflette sull’attualità con franchezza, invita i genitori a “mettersi in discussione” e si concentra, più e più volte, sulla “totale assenza delle famiglie al fianco dei loro figli”.

Don Cesena si è raccontato in un’intervista a tutto tondo condotta dal direttore di Telelibertà Nicoletta Bracchi, nell’ultima puntata della trasmissione “Nel Mirino”. “Sono prete da ventotto anni – ha ricordato il religioso -. Il mio mestiere non si può imparare, neanche dopo tutto questo tempo, perché va vissuto quotidianamente mettendosi sempre in discussione”. Prima di entrare in seminario, Don Cesena si è diplomato da perito metalmeccanico e, qualche anno dopo, è partito come soldato: “Poi è arrivata la vocazione, che non si sceglie ma si riceve”. Diciott’anni fa, terminata l’esperienza missionaria in Africa, Don Cesena si è insediato nella parrocchia “Santi Angeli Custodi” di Borgotrebbia, dove ogni domenica mattina recita una messa strapiena di fedeli (presto, infatti, verrà ricavato un nuovo posteggio nei paraggi di via Trebbia per accogliere la gente): “Il mio bilancio a Borgotrebbia è davvero positivo. Ho incontrato persone speciali, con grandi desideri. La parrocchia deve essere un luogo d’incontro, in particolare nell’epoca attuale in cui mancano punti di riferimenti autentici. Chiunque, in famiglia e nella società civile, pensa più a se stesso che agli altri. Le figure genitoriali sono assenti e vige una paura generalizzata. I giovani si trascinano, oppure se ne vanno dall’Italia”.

Le repliche di “Nel Mirino” verranno trasmesse sabato alle 9.30 e 17.15, domenica alle 21.30 e lunedì alle 17.15.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza