Dal 28 maggio

Ecco le nuove banconote da 100 e 200 euro: come riconoscerle

9 maggio 2019

Più moderne e sicure, ma ancorate indissolubilmente alla tradizione greca. Si presentano così le nuove banconote da 100 e 200 euro: dotate di tecnologie all’avanguardia contro le falsificazioni e legate all’antico volto di chi ha dato il nome al continente, la principessa mitologica “Europa”.

In anteprima assoluta, la filiale piacentina della Banca d’Italia ha presentato le versioni ristrutturate dei contanti verdi e gialli. “L’emissione delle nuove banconote da 100 e 200 euro – ha ricordato la direttrice Carmen Lanza – è prevista per il 28 maggio. Con questi biglietti è stata completata la serie “Europa”, introdotta gradualmente negli ultimi anni partendo dai tagli da cinque e dieci euro. I 500 euro, invece, non verranno aggiornati ma avranno ancora corso legale”.

Alla presenza delle massime autorità civili e militari, il vicedirettore locale della Banca d’Italia Gennaro Marrone, il cassiere esperto Roberto Mecarelli e l’ufficiale dei carabinieri Roberto Erra hanno specificato le caratteristiche di sicurezza delle banconote della serie “Europa” e fornito le indicazioni in tema di contanti danneggiati.
I nuovi 100 e 200 euro offriranno una migliore protezione dalla contraffazione, essendo dotati di nuovi strumenti come l’ologramma con satellite posto nella parte superiore della striscia argentata (muovendo una banconota, appare il simbolo € che ruota attorno al numero) e il numero verde smeraldo (cioè la cifra brillante nell’angolo inferiore sinistro che produce l’effetto di una luce in movimento in senso verticale).

“Si tratta di contanti facili da controllare, realizzati in fibre di puro cotone – ha aggiunto Mecarelli -. Guardandoli in controluce, sul fronte appaiono il volto della principessa Europa e la filigrana”. Nella progettazione della serie “Europa”, inoltre, la BCE ha cercato di agevolare le persone cieche o ipovedenti, inserendo grandi cifre in caratteri più marcati con tonalità contrastanti per facilitarne il riconoscimento e segni percepibili al tatto lungo il bordo.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Provincia

NOTIZIE CORRELATE