Ausl e pediatri

Rischio sovrappeso e scoliosi da play station: controlli per 2mila bambini di otto anni

20 agosto 2019

Alimentazione equilibrata e almeno un’ora al giorno di attività fisica intensa. Sono i principali consigli che i pediatri rivolgono alle famiglie per contrastare i problemi legati al sovrappeso che affligge il 20% dei bambini italiani (il 6% è obeso).

Per il secondo anno, i pediatri di libera scelta in collaborazione con l’Azienda sanitaria di Piacenza, stanno portando avanti un progetto dedicato ai bambini di otto anni. Da inizio agosto le famiglie piacentine stanno ricevendo lettere di convocazione per una visita di controllo generale in modo da individuare eventuali problematiche di sovrappeso, di masticazione e alla colonna vertebrale che possono essere intercettate a questa età. Sono circa duemila le famiglie coinvolte residenti tra città e provincia.

Si tratta di una visita completa dal cavo orale, rachide cervicale, vengono poi registrati peso, altezza, pressione. Il controllo include anche una chiacchierata con i genitori relativa allo stile di vita che spazia da alimentazione, attività fisica, uso di apparecchiature elettroniche come tablet, play station e telefonini che possono influire su peso e postura.

“E’ un progetto importante e ambizioso – spiega il pediatra Roberto Sacchetti -. L’adesione è stata molto alta, i dati non sono ancora definitivi perché stiamo ancora visitando i bambini del primo anno di attività, nel frattempo sono già iniziati i controlli di quelli del secondo anno. Ciò che emerge dagli incontri è che spesso si pensa che fare attività fisica significhi iscrivere il figlio a un corso che si svolge una o due ore a settimana. Quello che consigliamo è un’ora di attività fisica intensa al giorno. Intensa vuole dire che i bambini devono correre, andare in bicicletta, giocare e in generale accelerare i battiti del cuore e sudare. Se fanno solo una o un paio di ore di sport una volta a settimana e niente negli altri giorni significa condurre una vita sedentaria”.

Quali sono i principali errori riscontrati negli stili di vita dei bambini? “Sul fronte alimentare un errore comune è saltare la colazione e mangiare pochi alimenti ricchi di fibre. Inoltre i bambini spesso vanno a letto troppo tardi – ha spiegato il pediatra Giuseppe Gregori – L’ideale sarebbe 21.30 massimo 22 ed è necessario dormire nove ore. Sarebbe utile anche leggere mezz’ora prima di addormentarsi”.

 

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Provincia