Parla per la prima volta

L’appello di papà Maurizio: “Elisa, torna a casa”. La mamma: “La sento viva”

6 settembre 2019

“Elisa cara torna, papà non ha perso ancora la speranza. Spero di vederti prima possibile per poterti abbracciare. Ti voglio tanto bene”. E’ l’appello di un papà disperato. Per 12 giorni Maurizio Pomarelli ha preferito rimanere in silenzio nella speranza di ricevere una notizia di sua figlia Elisa che non vede dal 25 agosto. Insieme alla moglie Maria Cristina e alla figlia più grande Debora, il padre di Elisa ieri sera, giovedì 5 settembre, ha partecipato alla fiaccolata organizzata a Borgotrebbia dalle amiche della 28enne. Oltre 500 le persone che hanno manifestato vicinanza e solidarietà alla famiglia.

Dopo aver pranzato in trattoria a Ciriano con l’amico Massimo Pomarelli, domenica 25 agosto Elisa è svanita nel nulla mentre l’operaio 45enne è stato visto più volte fino a mezzanotte quando si sono perse anche le sue tracce.
La famiglia spera di svegliarsi da un incubo. Tutti si fidavano di Massimo Sebastiani che ora è accusato dalla procura di omicidio e occultamento di cadavere.
“La sento ancora viva – ha dichiarato la mamma Maria Cristina Dal Capo – non credo che Massimo l’abbia uccisa”.
“Mi hai tradito non ti perdonerò mai” le parole di Debora, sorella maggiore di Elisa mentre il papà e la mamma lo implorano: “Massimo lasciala andare”.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE