A Lugagnano

Condanne e arresti non fermano lo stalker: nuove minacce e insulti alla ex valgono il ritorno in carcere

6 ottobre 2019


Non gli è bastato il divieto di avvicinamento all’ex moglie, l’arresto avvenuto lo scorso novembre e il patteggiamento a due anni per stalking e maltrattamenti in famiglia.

Il 48enne di Lugagnano non ha mai smesso di perseguitare la donna: appostamenti, inseguimenti, insulti e, in un caso, lo speronamento della sua auto. Dopo essere stato liberato, l’uomo è tornato ai domiciliari a causa del suo comportamento. Ma in seguito a tre evasioni e a nuove molestie è finito in carcere.

IL SERVIZIO COMPLETO SU LIBERTÀ IN EDICOLA

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Provincia

NOTIZIE CORRELATE