Prigioniero in Thailandia

Dopo l’appello dal carcere di Bangkok, benefattore offre aiuto economico

10 ottobre 2019

“Conosco la Thailandia perché ci ho vissuto. Lì non si scherza. Per questo voglio aiutare il ragazzo. E se è una questione di soldi sono disposto a dare una mano a lui e alla sua famiglia”.

Si chiama Antonino Corti l’uomo che, dopo aver letto l’edizione di ieri di Libertà, ha preso contatti con la redazione del quotidiano per aiutare, economicamente, il 19enne piacentino Gianluca Bilardelli, da 40 giorni in prigione a Bangkok con l’accusa di aver rubato una valigia all’interno di un aeroporto, di proprietà di una donna, moglie di un generale dell’esercito locale.

La cifra raccolta dalla famiglia, oltre al contributo di Corti, residente ad Abu Dhabi, ma originario di Castel San Giovanni, servirà per finanziare il costo di un avvocato thailandese che sarà incaricato dal legale piacentino della famiglia, Roberto Bernocchi.

IL SERVIZI COMPLETO SU LIBERTA’ IN EDICOLA

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Provincia

NOTIZIE CORRELATE