Al congresso di Roma

Curare a casa i malati: identikit di donne sui 55 anni, primo premio alla ricerca piacentina di oncologia

31 ottobre 2019

Nuovo importante traguardo per il reparto di Oncologia dell’ospedale di Piacenza che, nei giorni scorsi a Roma, nel corso del congresso nazionale dell’associazione italiana oncologia medica (AIOM) ha ricevuto il primo premio per una ricerca a cura del personale infermieristico e di Monica Muroni, coordinatrice oncologia degenza. Al centro del lavoro, le persone che si prendono cura dei malati a casa, i cosiddetti caregiver. La ricerca, effettuata in collaborazione con la Casa di Cura di Bettola, ha tracciato un identikit: si tratta principalmente di donne, di età compresa tra i 55 e 60 anni che occupano dalle 8 alle 10 ore di tempo per l’assistenza quotidiana.

Da qui partirà a breve un progetto che vedrà il coinvolgimento di diversi operatori del Dipartimento che si metteranno in cattedra per aiutare queste persone nello sviscerare emozioni e bisogni durante la loro attività costante a contatto con i propri cari malati, considerata molto impegnativa. Sono stati tanti i professionisti piacentini che hanno partecipato al congresso presentando ben 14 ricerche pubblicate in lingua inglese.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE