Maltempo

Neve e pioggia: frane, black out e torrenti ingrossati. L’allerta prosegue fino a giovedì

19 novembre 2019

Neve e pioggia hanno provocato disagi nel Piacentino. In Alta Valnure la neve è caduta copiosa per sedici ore e diversi alberi e rami hanno ostruito le strade. Sul posto sono intervenuti gli addetti del Comune di Ferriere e della Provincia per liberare le carreggiate. L’area è stata interessata anche da un black out elettrico. Un metro di neve ha ricoperto il passo dello Zovallo, 50 centimetri sono caduti al Mercatello e al passo del Penice.

Le piogge abbondanti hanno ingrossato fiumi e torrenti che in diversi casi hanno superato la prima soglia d’allarme.

La strada provinciale è stata temporaneamente chiusa nei pressi di Croara, nella mattinata di martedì 19 novembre, a causa di una frana con un albero caduto in strada. Uno smottamento si è registrato anche sulla Statale 45 a Fabiano di Rivergaro.

Il Consorzio di Bonifica fa sapere che tutti gli impianti idrovori posti lungo la fascia costiera de Po sono in funzione. La diga del Molato (Alta val Tidone) è all’81% del volume autorizzato mentre la diga di Mignano (Vernasca) è all’11%

Le criticità idrauliche sono al centro della nuova allerta meteo di colore arancione diramata dalla Protezione civile dell’Emilia Romagna per altre 24 ore, terminerà quindi a mezzanotte di giovedì 21 novembre. Per le criticità idrogeologiche l’allerta resta gialla.

 

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza Provincia

NOTIZIE CORRELATE