Azione provvidenziale

Arresto cardiaco alla stazione Termini, volontario piacentino della Cri salva la vita a un 75enne

14 dicembre 2019

Salva la vita di un uomo rimasto vittima di un arresto cardio-circolatorio alla stazione Termini di Roma, perde il treno e deve sudare sette camicie anche per ottenere il cambio del biglietto che gli consente il ritorno a Piacenza.

E’ la storia di Italo Pasotti, 65enne di Pizzighettone ma residente ormai da una vita a San Nicolò, volontario della nostra Croce Rossa e che proprio in queste settimane sta concludendo il corso da operatore di soccorso. Giovedì scorso, nel pomeriggio, ha dimostrato sangue freddo da vendere, strappando da morte certa un uomo, accasciatosi improvvisamente a terra a causa di un infarto.

Si trattava di un 75enne che è stato raggiunto da alcuni operatori delle Ferrovie e da tanti passeggeri allarmati dalla situazione: “Ho notato immediatamente che gli erano stati applicati in maniera scorretta gli elettrodi e quindi sono intervenuto per rimediare – ha detto proprio Pasotti -. In quei frangenti non pensi ad altro che ad applicare sul campo ciò che hai appreso durante le lezioni teoriche e pratiche: così ho fatto per una ventina di minuti”.

Un’azione avvenuta sotto gli occhi di decine di persone e della figlia dell’uomo, prima dell’arrivo dell’ambulanza. Il 75enne, dopo interminabili momenti di apprensione, grazie alle scariche del Dae e alle manovre di rianimazione del soccorritore piacentino, ha ripreso a respirare ed è stato successivamente condotto in ospedale.

“Le sensazioni derivanti da questo episodio non potrò mai scordarle: quando ho visto l’uomo reagire la soddisfazione è stata indescrivibile. Come del resto lo stress e la fatica mentale che al termine mi hanno letteralmente prosciugato”.

Una fatica acuita dalle difficoltà, quantomeno iniziali, per ottenere il cambio del tagliando necessario per salire su un nuovo treno e raggiungere Piacenza: “Le consuete complicanze di natura burocratica che mi hanno lasciato un po’ perplesso e innervosito, ma che sono state risolte successivamente da un funzionario delle Ferrovie: mi hanno offerto un biglietto per un Frecciarossa”.

L’uomo rimasto vittima di arresto, affetto da gravi patologie cardiache, si trova ovviamente ricoverato in ospedale e non è ancora fuori pericolo. Ma è vivo grazie all’intervento di un “novello” soccorritore, orgoglio della Croce Rossa di Piacenza.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza