Piogge abbondanti

Il maltempo ha colpito ancora, ma è in arrivo un Natale mite e soleggiato

23 dicembre 2019

Le abbondanti piogge dei giorni scorsi hanno lasciato ancora il segno. Smottamenti, allagamenti e preoccupazione. Come in alta Val Trebbia, dove nella notte fra sabato 21 e domenica 22 dicembre una frana si è staccata da un versante sopra la statale 45 minacciando alcune abitazioni alla periferia di Bobbio. Una situazione di emergenza che ha imposto lo sgombero in via precauzionale di un paio di famiglie. Lo smottamento ha interessato la strada pedonale del quartiere Auxilia, raggiungendo e allagando il cortile della ditta Gamma, e minacciando un palo dell’alta tensione che porta corrente a 15mila volt all’intera area di Bobbio. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Bobbio e Piacenza, i carabinieri, i tecnici dell’Enel, gli operai del comune con alcuni assessori e il sindaco Roberto Pasquali. Una zona già stata interessata una quindicina di anni fa da una frana, e ancora e di nuovo una ventina di giorni fa. Ora il rischio è che nuovi movimenti del terreno possano far cadere il palo dell’alta tensione, già inclinato, mettendo a rischio la fornitura di energia elettrica per abitazioni e aziende di tutto il paese.

Non solo la Val Trebbia è stata interessata dalle piogge torrenziali. Esondazioni anche nel territorio del comune di Alseno, dove un sottopasso è stato invaso dall’acqua intrappolando un’auto che aveva ignorato il semaforo rosso. A Saliceto campi allagati dallo straripamento del Rio Grattarolo che ha lambito le case, mentre l’Ongina è uscito dagli argini a Castelnuovo Fogliani. Disagi anche in Val Nure, a Podenzano e nel territorio di San Giorgio.

Allarme rientrato per il Po, che dopo aver mostrato i muscoli verso mezzogiorno di ieri, quanto ha toccato i 5 metri e 63, è tornato a scendere. La situazione è stata monitorata dal personale AIPo in coordinamento con i sistemi regionali e locali di protezione civile.

Dalle previsioni meteorologiche arrivano buone notizie: “Ci aspettano tre o quattro giorni di bel tempo – spiega Vittorio Marzio di MeteoValnure.it -. Natale sarà tiepido e soleggiato, con temperature massime superiori ai 10 °C. Qualche lieve foschia, ma nessuna precipitazione è in arrivo a breve. Un periodo comunque anomalo – conclude l’esperto -, nel quale le temperature sono superiori alla media di circa 5 gradi centigradi”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Provincia

NOTIZIE CORRELATE