L'emergenza

Pronto soccorso: oltre 40 casi di polmonite nell’ultima settimana

30 dicembre 2019

Dal 22 dicembre a ieri (29 dicembre) ben 35 pazienti sono stati ricoverati all’ospedale di Piacenza per polmonite. Altri 9 pazienti sono potuti tornare a casa perché non avevano bisogno di fare l’ossigenoterapia. Solo nel giorno di Natale c’è stato un picco di 7 ricoveri. A tracciare il bilancio è il dottor Andrea Vercelli, responsabile del Pronto soccorso di via Taverna.

Il bilancio complessivo vede 44 casi in questi ultimi giorni dell’anno, soprattutto tra le persone anziane. Sotto accusa ci sono specialmente gli sbalzi termici che mettono a dura prova la salute dei piacentini. La guardia resta alta perché presto dovrebbe arrivare anche il picco d’influenza.

La Pneumologia ha chiesto altri posti letto per affrontare un inizio dell’anno che potrebbe rivelarsi critico. Il primario Franco Cosimo insiste nel sottolineare l’importanza di vaccinarsi: “Non soffrono solo gli anziani, anche tra i bimbi sono frequenti tosse, tracheiti e crisi asmatiche”. Disturbi in aumento anche per colpa dell’inquinamento.

Nemmeno le piogge delle scorse settimane hanno contribuito ad abbassare il livello di polveri sottili nell’aria. Il limite di Pm10, ad esempio, negli ultimi 11 mesi è stato superato 38 volte in via Giordani, rispetto ai 20 sforamenti del 2018.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE