Omicidio Caorso

La moglie: “Ecco come è stato ucciso Rocco”. La famiglia: “Vogliamo giustizia”

14 gennaio 2020

“Mi teneva la mano, poi non ha più risposto”: Giordana Lucchesi, moglie di Rocco Bramante, racconta in lacrime gli ultimi istanti di vita del marito accoltellato a morte nella serata di lunedì 13 gennaio davanti a un bar di Caorso. “Siamo entrati nel bar, mio marito è andato in bagno mentre io bevevo il caffè poi quando è uscito ha visto Gigi e gli ha detto: “Ciao Gigi” ma lui gli ha risposto “Cosa vuoi da me” e gli ha dato uno spintone, Rocco gli diceva: “Ma io non ti ho fatto niente” allora ho chiesto a mio marito di andare e siamo saliti in macchina. Gigi è arrivato con il coltello lo ha colpito al braccio e alla gamba. C’era sangue ovunque. Gli ho detto “Andiamo dai carabinieri”, Rocco ha guidato fino alla caserma poi ha perso i sensi.

E’ un grido di dolore quello lanciato dalla famiglia della vittima. A Caorso sono arrivate dal Milanese la mamma e le sorelle di Rocco Bramante: “Era una persona buona, non doveva finire così. Ora vogliamo solo giustizia”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza