Oltre 10mila interventi in un anno per i mezzi di soccorso avanzato del 118

25 Gennaio 2020

Nel 2019 i mezzi di soccorso avanzato del 118 di Piacenza hanno eseguito 10.272 interventi, di cui 5209 per codice rosso. Il mezzo di soccorso avanzato era presente nella maggior parte dei casi più critici, in particolar modo negli interventi che riguardano eventi cardiologici (2.184), seguiti da criticità respiratorie (1.774) ed eventi traumatici (1.620 casi).

Proprio per far fronte alle numerose attività l’Ausl di Piacenza continua ad investire per rinnovare il proprio parco mezzi dedicato all’emergenza urgenza acquistando una nuova automedica a servizio della rete provinciale 118. Dopo la consegna della nuova ambulanza di Bobbio, ieri, 24 gennaio, è entrato in servizio anche un nuovo mezzo per il soccorso avanzato. La Subaru Forrester 2000 4×4 è dotata di cambio automatico, per rendere ancora più sicura la guida del veicolo.

L’automedica è a disposizione della rete provinciale, dove sono attive quattro postazioni H24, collocate in pronto soccorso e alla caserma dei vigili del fuoco a Piacenza, a Roveleto di Cadeo e a Farini. Gli equipaggi sono costituiti da medico, infermiere e autista o da infermiere e autista. Nel 2019 i mezzi di soccorso avanzato del 118 hanno percorso 95mila chilometri: se si aggiunge la distanza coperta da altri veicoli, si raggiungono i 200mila chilometri. Il sistema provinciale si avvale poi anche delle ambulanze di Bobbio, Castel San Giovanni e Fiorenzuola, con identici equipaggi.

“Il ricorso all’automedica – spiega Stefano Nani, coordinatore 118 – è ritenuto più agile e veloce (e quindi più funzionale) in alcune aree geografiche rispetto a mezzi di dimensioni più grandi tipo l’ambulanza. L’invio di questi mezzi consente quindi di ridurre i tempi di percorrenza e di rendere immediatamente disponibile il personale in servizio per rispondere ad altre eventuali richieste”. L’invio dei mezzi più idonei al soccorso è gestito dalla Centrale operativa Emilia Ovest.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà