Rubato il defibrillatore sull’argine. “Non si può vendere, restituitelo”

04 Febbraio 2020

Da alcuni giorni il defibrillatore posizionato lungo l’argine a Borgotrebbia, poco lontano dalla chiesetta di via Aguzzafame è sparito.

Il prezioso salvavita è stato collocato in quella zona particolarmente frequentata da runners e da chi vuole evadere dallo smog della città per una camminata salutare. Già in passato il defibrillatore era stato rubato. In quell’area nei giorni scorsi si sono registrati atti vandalici con diversi cartelli stradali scaraventati lungo la scarpata.
Sul caso è intervenuta la dottoressa Daniela Aschieri, presidente di Progetto Vita, la realtà che ha trasformato Piacenza nella città più cardioprotetta d’Europa grazie alla rete di defibrillatori.
“L’auspicio è che in un luogo così isolato possa essere posizionata una telecamera – spiega Aschieri -. Facciamo inoltre appello alla sensibilità di chi lo sottratto: visto che i defibrillatori hanno un numero di serie che li identifica e dunque sono impossibili da vendere, chiediamo che il prezioso strumento venga fatto ritrovare”.

Foto di Giorgio Picchioni

© Copyright 2021 Editoriale Libertà