Cammino di Santiago per diciotto volte. “Insegna a vivere con poco”

08 Febbraio 2020


Nel 2001 il piacentino Giuliano Beotti ha percorso per la prima volta il Cammino di Santiago, il pellegrinaggio più famoso al mondo. Raggiunta la meta, seguendo le indicazioni della guida ricevuta in regalo dalla figlia, davanti alla cattedrale di San Giacomo si è chiesto “chissà se tornerò”. E’ tornato diciotto volte percorrendo tutte le strade spagnole che conducono al capoluogo della Galizia. Beotti è stato capo tecnico all’Enel, oggi ha 77 anni e guarda al futuro pianificando nuovi cammini. Una passione quella per il trekking nata dall’esigenza di uno stile di vita più salutare che si è tradotta in 17mila chilometri percorsi in 18 anni con una media di 27 chilometri al giorno. Gli amici conosciuti lungo la strada, i consigli per i viandanti sono racchiusi nel suo libro “Il cammino di stelle” che risale al 2002.

“La mia prima vacanza da ragazzo fu in Spagna e questo Paese è stato il primo amore – racconta Giuliano Beotti -, i cammino mi lascia un senso di libertà, questa esperienza mi ha fatto capire che si può vivere con poco, si impara a lasciare a casa cose non necessarie e questo mi ha arricchito”. Tante volte ha affrontato il viaggio da solo ammirando i panorami delle campagne silenziose e del mare che quando diventa plumbeo rimanda il pensiero all’imprese di navigatori e marinai. Durante l’ultimo viaggio, nel  settembre 2019, Beotti e gli amici in Galizia hanno trovato una cartina che indica Piacenza come tappa del cammino europeo che conduce a Santiago. L’esperto vorrebbe che le amministrazioni locali valorizzassero questo aspetto.

“Ogni cammino ha una storia – spiega Beotti – la prossima volta vorrei partire da Lourdes perché mia madre era molto devota”. A chi consiglia quest’esperienza? “Paulo Coelho scriveva che quello di Santiago è il cammino delle persone comuni. Condivido questo pensiero perché è adatto a tutti, servono tenacia e determinazione. Non si fa per raggiungere una meta ma per il cammino in sé”.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà